Quali i conti deposito più convenienti di Maggio 2020

210

Indice dei contenuti

Quali sono i conti deposito più convenienti del momento? Come posso trovare il prodotto giusto che fa per me? In questa guida ragionata sull’argomento vedremo quali sono gli strumenti a nostra disposizione per ottenere in maniera efficace ciò che stiamo cercando, ma qualsivoglia ricerca risulta vana se non abbiamo ben chiaro cos’è un conto deposito e quali caratteristiche deve avere tale prodotto per risultare vantaggioso. Soltanto quando siamo certi di ciò che vogliamo possiamo sapere come arrivare al nostro scopo, pertanto chi ha ancora dei dubbi sugli elementi che caratterizzano un conto deposito potrà trovare qui i chiarimenti che cerca.

IL MIGLIOR MODO DI GESTIRE IL DENARO

Semplice, smart e senza costi!

Sostituisci il vecchio conto e la vecchia carta e gestisci al meglio il tuo denaro. Potrai pagare comodamente con il tuo smartphone evitando le code e inviare e ricevere bonifici GRATIS.
Scopri anche tu tutti i vantaggi della miglior Carta Conto del 2020!

Scopri di più
HYPE - Carta Conto

È gratis
Hai l'IBAN e ricarichi o prelevi denaro senza commissioni.

Tutto sotto controllo
Ricevi notifiche in tempo reale e puoi collegare fino a 5 altre carte.

Scambia denaro con un tap
Invia e ricevi denaro dai tuoi contatti. È istantaneo e gratuito.

Ottieni il cashback
Per ogni acquisto in app accumuli un guadagno in percentuale.

Metti in pausa la carta
Basta un tap e nessuno potrà utilizzarla finchè non la riattivi.

Realizza i tuoi desideri
Risparmieremo per te una piccola quota ogni giorno.

Registrati Subito, E' Gratis

Gli elementi di un conto deposito

Soltanto conoscendo in maniera approfondita le caratteristiche di un conto deposito è possibile fare la scelta giusta, innanzitutto per comprendere se questo è il prodotto di investimento adatto alle nostre esigenze, e in seconda battuta per scegliere quello più vantaggioso tra le diverse proposte presenti sul mercato. Gli elementi distintivi di un conto deposito sono:

  • Tasso di interesse: quello applicato è fortemente superiore rispetto a un conto corrente tradizionale
  • Costi: se non del tutto assenti sono estremamente ridotti, limitandosi tutt’al più all’imposta di bollo. Ma buona parte dei conti deposito sono gratuiti
  • Conto di appoggio: per avere un conto deposito è necessario avere anche quello tradizionale, presso altra banca o lo stesso istituto indifferentemente
  • Operazioni limitate: il numero di servizi collegati è minimo, limitandosi spesso a operazioni di bonifico da e verso il conto di appoggio collegato
  • Vincolo capitale: le condizioni di interesse possono risultare ancora più favorevoli se il cliente decide di vincolare il capitale depositato. In questo caso spesso gli interessi vengono versati in anticipo, mentre non vengono percepiti se il cliente decide di prelevare il capitale prima della scadenza del vincolo

Come trovare il miglior conto deposito

Sapendo quali sono le caratteristiche peculiari del prodotto, ora possiamo vedere come trovare il conto deposito più conveniente. Grazie agli strumenti di comunicazione digitale a nostra disposizione, è possibile effettuare rapidamente una ricerca

e trovare ciò che ci interessa sfruttando i comparatori on line, portali dedicati al mondo finanziario che permette di effettuare un confronto tra prodotti paragonandone caratteristiche, servizi e condizioni. Nel caso di un conto deposito, potremo così trovare le migliori proposte del momento in tempo reale, scegliendo chi offre il tasso di interesse più vantaggioso, e vedremo se il conto deposito presenta o meno spese di mantenimento.

Tasso di interesse: condizioni e offerte

Come abbiamo detto, la caratteristica peculiare di un conto deposito è l’applicazione di un tasso di interesse più elevato rispetto a quello di un conto standard, a maggior ragione se vincoliamo anche il capitale versato. In quest’ultimo caso possiamo scegliere tra diverse scadenze, generalmente vanno da 6 mesi a 2 anni, a seconda del singolo istituto di credito a cui ci si rivolge. Importante:

spesso per attirare nuovi clienti le banche propongono conti deposito con un tasso di interesse molto alto a chi sottoscrive per la prima volta il prodotto di conto deposito presso l’istituto, ma nel corso del tempo tale tasso si assesta su percentuali decisamente più basse, seppur sempre superiori a quelle di un conto corrente tradizionale.

Per fare un esempio generico, se in fase di apertura il tasso applicato può essere anche superiore al 2,5 per cento, dopo 365 giorni si può assestare mediamente tra lo 0.75 e l’1 per cento.  In caso di variazioni considerate sfavorevoli, il cliente ha comunque sempre la possibilità di recesso.

Conto deposito: è un investimento sicuro?

Uno degli indubbi vantaggi di un conto deposito è che rispetto ad altri prodotti finanziari di investimento l’alea, il fattore di rischio legato al capitale, è praticamente nullo. Per dirla in parole semplice, il conto deposito rende poco ma offre zero rischi rispetto ad altri titoli di investimento: in linea puramente teorica l’unico vero rischio è legato a un eventuale fallimento della banca, che impedisca all’istituto di mantenere fede ai propri impegni contrattuali, ma

tutte le banche operanti nell’ambito dell’Unione Europea aderiscono al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi che garantisce ogni singolo cittadino depositante il denaro fino a 100 mila euro, per le disponibilità risultanti sul conto. Nella peggiore delle ipotesi, il soggetto potrà rientrare del capitale versato entro i 100 mila euro, con un’attesa massima per il rimborso stimata in 20 giorni lavorativi, molto meno dei 3 mesi precedentemente fissati.

Come aprire un conto deposito

L’apertura di un conto deposito è estremamente semplice, non sono richieste particolari garanzie e la documentazione è molto snella. I tempi sono rapidissimi, poiché non bisogna affrontare alcun iter istruttorio o analisi dello storico finanziario del cliente, e bisogna limitarsi a consegnare:

  • Copia di un documento di identità valido
  • Codice fiscale o tessera sanitaria
  • Codice IBAN del conto corrente tradizionale che fungerà da appoggio

Alcuni istituti di credito per i propri conti deposito possono richiedere un versamento minimo iniziale per l’apertura, ma si tratta solitamente di cifre con importo contenuto, non tali da ostacolarne l’apertura da parte dei clienti interessati. Chi avesse invece pendenze in corso con una determinata banca, è possibile che il capitale depositato possa essere utilizzato per compensare i crediti vantati dall’ente finanziario.

Conclusioni

È molto semplice scoprire quali sono i conti deposito più convenienti del momento, e le variazioni delle offerte possono mutare di mese in mese. La scelta deve cadere ovviamente su un istituto di credito affidabile e che proponga tassi particolarmente allettanti a zero spese o comunque con spese molto contenute, ben sapendo tuttavia che a regime gli interessi del capitale potranno risultare parecchio più esigui rispetto al tasso di apertura. Il conto deposito è consigliato per tutti coloro che cercano un investimento sicuro, ed è senz’altro meglio che avere “i soldi dentro il materasso”.

Il conto deposito è un po’ come una cassaforte ma con la certezza di una rendita sicura, il che certo non dispiace: ancora meglio poi se il capitale viene vincolato, avendo l’accortezza di non utilizzare la somma accantonata nel conto. Chi cerca invece investimenti ad alto rendimento ma più rischiosi, è bene che si rivolga ad altre tipologie di prodotto.